sabato 15 aprile 2017

Rostinciana


1,2 kg di costine di maiale
Moltissimo prezzemolo
3-4 spicchi d'aglio
2-3 peperoncini secchi a pezzettini
4 patate

Accendi il forno a 180.
Fai a fette le patate per coprire il fondo della teglia.
Prepara un trito di aglio prezzemolo peperoncino e un po' di sale.

Gira le costine nel trito e disponile nella teglia. Condisci con un filo d'olio e magari un altro po' di sale.
Inforna per 60 minuti. La carne dovrebbe staccarsi facilmente dall'osso.



venerdì 14 aprile 2017

Zuppa Thai di zucchine al curry



Oggi facciamo una piccola evasione dalla cucina emiliana per insegnarvi una zuppa Thai di zucchine al curry con latte di cocco. Leggerissima, facile e buona anche in estate (quando le zucchine sono nel pieno della stagione) perché si serve anche fredda o appena tiepida. Me l'ha insegnata Aurélie, garanzia di qualità, perché ci ha già insegnato la ricetta kult del Bœuf Bourguignon. Ho provato questa zuppa insieme a lei ed era squisita, perfetta per una cenetta leggera primaverile o estiva. 

- Fai un soffritto di 1 o 2 cipolle e 1 spicchio d'aglio
- Aggiungi 3-4 zucchine tagliate a rotelle e cuocile un po'
- Aggiungi un fondo d'acqua con un dado vegetale, lascia cuocere finché le zucchine non sono rammollite
- Metti 400 ml di latte di cocco
- Aggiungi infine curry, sale e pepe

È buona sia calda che fredda!


*** VERSION FRANÇAISE! ***

- Fais revenir  dans l'huile d'olive 1 ou 2 oignons et 1 gousse d'ail;

- Ajoute les courgettes coupées en rondelles (3-4) et fais un peu revenir
- Ajouter un fond d'eau avec un bouillon cube de légumes, laisser cuire jusqu'à ce que les courgettes soient ramollies
- Mettre du lait de coco 400ml
- Ajouter curry, sel, poivre

Se déguste chaud ou froid!

giovedì 22 dicembre 2016

Datteri al Mascarpone e Whiskey

Vi presentiamo il finger-food più calorico e gratificante del Natale 2016. Rimargina tutte le ferite dell'anno passato e fornisce tutte l'energia necessaria a sculettare tutta la notte nelle balere emiliane.

Prendi una decina di datteri, possibilmente grossi (quelli che vendono sfusi), e li tagli a metà. 
Prendi due o tre cucchiaiate di mascarpone e le mischi bene in una tazza con qualche cucchiaio di whisky (si deve sentire). 
Spalma questa bontà sui datteri. 
Fine.

Si prepara in tre minuti prima che arrivino gli ospiti.

sabato 20 agosto 2016

Pesce finto

4 patate grosse, lessate e passate, già tiepide
3 etti di tonno
Pasta d'acciughe
Capperi
Un po' di maionese

Impastare il tutto.
Plasmare il pesce finto su un piatto. 
La parte più divertente: aggiungere le squame, gli occhi e le branchie sbizzarrendosi con maionese, rotelline di carote o cetrioli, capperi o olive. Tenere in frigo almeno un'ora prima di servire. 
Fotografare! 

Bacalao meravigliao

Comprare il Baccalà sotto sale e lasciarlo a bagno per qualche giorno, oppure comprarlo già bagnato direttamente.

Tagliare pezzettoni e infarinarli. In una teglia metterli insieme a filetti di pomodori, capperi, olive nere, tocchetti di sedano e spicchi d'aglio. Ci vuole anche un filo d'olio.


Infornare a 200 gradi per 20-25 minuti.

venerdì 17 giugno 2016

SOS Rezdora! Camicia stirata (anche in viaggio)

Questa è per le rezdore viaggiatrici. 
Capita sempre di tirar fuori qualcosa dalla valigia e di trovarlo tutto spiegazzato. Solo che ovviamente non hai con te il ferro da stiro, non c'è neanche in hotel, o semplicemente non hai mezza voglia di stirare, o non hai tempo. Ma il problema non si pone! 

La rezdora executive ha una tecnica infallibile: appende la camicia in bagno mentre si fa una bella doccia calda, e lascia che il vapore faccia il suo dovere. Per avere un risultato migliore dà un colpetto finale lasciando andare l'acqua iper-bollente ancora un minuto, lasciando la camicia appesa proprio sopra (o vicino) al getto d'acqua. L'effetto non sarà lo stesso del ferro da stiro ma sicuramente presentabile!


Prima e dopo la doccia (no photoshop)

lunedì 23 maggio 2016

Erbazzone reggiano infallibile

Dai che comincia la stagione dei picnic! Noi siamo pronte con uno dei nostri cavalli di battaglia già proposto ai vecchi tempi e qui rivisitato, in una versione con meno latticini e più maiale.

***Ricetta approvata e certificata da una Rezdora della nostra delegazione reggiana (San Polo d'Enza)***



Ingredienti
  • Un chilo di erbette, cioè bietole (o spinaci)
  • Un mazzo di cipollotti (o una cipolla)
  • Due spicchi d'aglio
  • Olio
  • 120 grammi di pancetta o battuto di lardo
  • 1 o 2 uova
  • 5 cucchiaioni di Parmigiano grattugiato
  • Un ciuffo di prezzemolo
  • Un po' di pan grattato
  • Due fogli di pasta sfoglia [*nota per rezdore expat in Francia o in Svizzera: consigliamo la pasta Madame François, che è buonissima, e che si compra a tocchi di 5kg (bisogna poi averci il freezer compatibile)]

Preparazione

  • Comincia facendo sbollentare le erbette insieme ai gambi verdi dei cipollotti. Poi le scolerai, le strizzerai molto bene e le tagliuzzerai.
  • Nel frattempo fai un soffritto con aglio e cipollotti in una padella grande.
  • Dopo un po' unisci al soffritto la pancetta tritata, tenendone però indietro un pizzicotto per la fine.
  • Accendi il forno a 180 gradi. 
  • Unisci al soffritto le erbette, fai insaporire e lascia raffreddare qualche minuto.
  • Aggiungi allora il parmigiano, le uova, il prezzemolo. Se è troppo liquido aggiungi un po' di pan grattato.

  • Disponi il primo figlio di sfoglia e versa dentro il ripieno. Stendi sopra il secondo foglio (tagliandolo più piccolo se necessario).
  • Chiudilo coi bordi del foglio sotto. Bucherella con la forchetta e spargi sopra le bricioline di pancetta. 

  • In forno 40 minuti.
Si mangia tiepido; buono anche riscaldato; infallibile.

giovedì 14 aprile 2016

Pizza rustica con crosta ripiena

Ingredienti per 4 persone
-150gr di farina integrale
-100gr di farina di semola di grano duro
-300gr di farina manitoba 
-25gr di lievito di birra fresco
-3 cucchiai d'olio evo per impasto, 4 per guarnire la pizza
-5gr di sale
-200ml circa d'acqua tiepida 
-un cucchiaio di doppio concentrato di pomodoro 
-250 di pomodoro (passata/pelati/pezzettoni a piacere)
-3 mozzarelle da125gr ciascuna 
-30gr di parmigiano grattugiato 
-50gr di formaggio tipo emmental 
-origano

Preparazione
Mischiare le 3 farine e il sale. Sciogliere il lievito in mezzo bicchiere d'acqua tiepida e aggiungere al centro del composto di farine. Aggiungere anche 3 cucchiai d'olio e il concentrato di pomodoro sciolto in un altro mezzo bicchiere d'acqua. Mescolare e impastare il composto per qualche minuto, se necessario aggiungere altra acqua. Dovrete ottenere una palla morbida, della consistenza del lobo dell'orecchio.
Lasciate riposare l'impasto in una terrina coperta da uno strofinaccio in forno per almeno 2 ore. Un'ora prima di infornare, dividete in due la pasta e stendetela; ai bordi adagiate delle fettine sottili di emmental e risvoltate in modo che la crosta risulti poi ripiena; lasciate riposare in forno. Nel frattempo tagliate la mozzarella a dadini e mettetela a scolare in una ciotola rivestita di carta assorbente. 
Se avete tempo, preparate un sugo di pomodoro scaldando prima del l'olio, aggiungete poi la passata e lasciate cuocere una ventina di minuti. Una volta raffreddato il sugo, mischiatevi il parmigiano grattugiato: renderà ancora più gustoso il risultato finale. Accendete il forno ventilato a 180 gradi e stendete sulla pasta il sugo di pomodoro, un filo d'olio e un pizzico di sale. Infornate per 15/20 minuti. Aggiungete la mozzarella e gli altri ingredienti a piacere e lasciate cuocere altri 10 minuti. Usate ingredienti bio e di ottima qualità, il risultato sarà sicuramente eccezionale! Parola di rezdora;-)

domenica 21 febbraio 2016

Insalata invernale polacca

Siamo in inverno, non vorrete mettervi in bocca pomodori acquosi e lattuga insapore? Giammai! 
Per sfruttare quel che c'è di buono in questi mesi freddi prendiamo ispirazione dalla rezdora polacca Claire, che ci ha insegnato un'insalata colorata e buonissima. E oltretutto velocissima da preparare.

Indivia cruda 
Barbabietola cotta (quella che si compra già così sottovuoto)
Prezzemolo fresco tritato

Condita con olio di semi e sale. Se volete ci stanno bene anche i semini di sesamo.

martedì 12 gennaio 2016

La spesa di gennaio


Quando non si vede più la punta della Ghirlandina dalla nebbia e sono in arrivo i giorni della merla, ecco quello che possiamo cercare al mercato per spendere meno e mangiare cose più saporite.

Verdura barbabietola, bietole, broccolo, cardo, catalogna, carota, cavolfiore, cavolo cappuccio, cavolo verza, cavolini di Bruxelles, cicoria, coste, erbette, finocchio, indivia, lattuga, porro, radicchio rosso, rapa, spinaci, topinambur, valerianella, zucca

Frutta
kiwi, arancia, mandarino, mandarancio, limone, pompelmo, frutta secca (noci, nocciole, mandorle...)
Pesce
menola, nasello, sardina, sogliola, spigola, triglia, zerro, musillo